Abito da sposa Charlotte
Abito da sposa Charlotte

Charlotte

Charlotte è un elegante abito da sposa ricamato in pizzo chantilly, il cui taglio lineare viene valorizzato dal pregiato tessuto.

La generosa scollatura omerale, incorniciata da raffinate cappe, lascia scoperte le spalle dando un ulteriore tocco di eleganza, richiamato poi nella manica a tre quarti che con il suo gioco di trasparenze del pizzo crea un effetto vedo e non vedo.
L’ampia gonna con la sua forma ad A, valorizza il punto vita e si apre poi concludendosi in un meraviglioso strascico a ruota. Il capo si chiude grazie a dei graziosi bottoncini che impreziosiscono l’abito allungandosi in tutta la schiena.

Ispirato a Charlotte Casiraghi, figlia secondogenita della principessa Carolina di Monaco. Una donna molto dolce ma al tempo stesso malinconica, che ci tiene alla propria riservatezza e la considera un diritto inviolabile.
“Essere una donna e voler esprimere la propria unicità è una latta, qualunque sia il ruolo. E’ una lotta non una guerra, ma non è una cosa facile”.

 

Ti piace questo abito?



Prenota la tua prova abito

    Vuoi maggiori informazioni?

    Ho letto ed accetto le condizioni della Privacy.

    Descrizione

    Charlotte è un elegante abito da sposa ricamato in pizzo chantilly, il cui taglio lineare viene valorizzato dal pregiato tessuto.

    La generosa scollatura omerale, incorniciata da raffinate cappe, lascia scoperte le spalle dando un ulteriore tocco di eleganza, richiamato poi nella manica a tre quarti che con il suo gioco di trasparenze del pizzo crea un effetto vedo e non vedo.
    L’ampia gonna con la sua forma ad A, valorizza il punto vita e si apre poi concludendosi in un meraviglioso strascico a ruota. Il capo si chiude grazie a dei graziosi bottoncini che impreziosiscono l’abito allungandosi in tutta la schiena.

    Ispirato a Charlotte Casiraghi, figlia secondogenita della principessa Carolina di Monaco. Una donna molto dolce ma al tempo stesso malinconica, che ci tiene alla propria riservatezza e la considera un diritto inviolabile.
    “Essere una donna e voler esprimere la propria unicità è una latta, qualunque sia il ruolo. E’ una lotta non una guerra, ma non è una cosa facile”.